9 Ottobre 2019 | Green Retail Forum IX edizione | Milano

 

Il Green Retail Forum è l’appuntamento annuale di confronto tra operatori, istituzioni ed accademia sull’evoluzione della Distribuzione verso la sostenibilità (economica, sociale, ambientale).

Gli stili di vita dei cittadini e l’innovazione degli operatori, necessaria per la competitività, sono influenzati dal momento e dal luogo della spesa. Questa influenza, in modo positivo, può condurre al miglioramento degli impatti ambientali e sociali con ricadute sul valore e sulla qualità della vita.

Milano, 9 ottobre 2019

 

 

Apertura Prenotazioni a settembre

Le iscrizioni al GreenRetail Forum 2019 apriranno dal 9 settembre!

GreenRetail Forum 2019_ Spazio alla sostenibilità!

La nona edizione del Green Retail Forum tiene fede alla sua missione di favorire il confronto tra gli operatori per capire a che punto è l’evoluzione del largo consumo verso la sostenibilità.  Esaminerà il comparto dal miglior punto di osservazione: il negozio, una volta definito punto vendita, oggi ridefinito punto di acquisto ma, in ogni caso, – in rapporto alle relazioni che innesta tra persone e beni, e tra chi offre e chi domanda, rimane il punto in cui gli stili di vita e consumo si creano, si modificano e si dimostrano.

Leggi articolo

La filiera produttiva

La filiera di fornitura è considerata dai cittadini consumatori tanto importante quanto la capacità di produrre e controllare la qualità di ciò che viene offerto nel largo consumo, senza però riflettere su chi e cosa c’è a monte della distribuzione e della trasformazione industriale.

In questa area di alta sensibilità e ignoranza da parte di chi acquista, la responsabilità degli operatori: industria e distribuzione, fa la differenza, che in alcuni casi diviene competitiva.

Leggi articolo
Partner GRF2019

Green Retail Forum 2019 | Spazi e Filiere della Sostenibilità. Casi e modelli: soluzioni a confronto

Milano, 9 Ottobre 2019

Cosa conta per la sostenibilità nell’assortimento di Alimentari&Bevande?

Il pack è considerato sempre più problematico e critico rispetto al contenuto. Questo vuol dire o che il pubblico si è tranquillizzato sulla qualità intrinseca dei prodotti (sani, igienicamente garantiti, freschi, spesso certificati), o che sul pack si soffre di un ossessione legata alla problematica dei rifiuti e la conseguente gestione Il caso più eclatante riguarda la plastica e tutte le confezioni realizzate con accoppiate di materiali. Tetrapak, specialista di pack per l’industria alimentare, afferma di volersi interfacciare direttamente con i Retailer per capirne le esigenze e le priorità avvertite dai consumatori. Ferrarelle invece è protagonista di una rivoluzione nella gestione del fine vita delle acque minerali con la partecipazione attiva ad un consorzio specifico nato per il riciclo del PET, ed uscito dal mondo COREPLA. Ferrarelle quindi ci spiegherà quali investimenti hanno comportato una scelta del genere e perché hanno ritenuto di farla adesso! Altrettanto epocale sarà la spiegazione di Carrefour sul significato profondo del piano “Act for Food”, deciso, progettato e comunicato come una componente centrale, se non la componente centrale del Gruppo. Passando dal grande al piccolo, sarà interessante sentire una giovane e piccola realtà del Sud, la calabrese NATURIUM che con 4 punti di vendita porta avanti una strategia di trasparenza e assortimenti di prossimità intesi come risposta giusta alle istanze dei giovani cittadini consumatori consapevoli....

#COMUNICAZIONE Comunicare la sostenibilità

Nell’ambito delle tavole rotonde del pomeriggio, svolte in contemporanea dalle 14.30 alle 16.00, fra i temi di discussione vi è quello della COMUNICAZIONE. Chi ha detto che la comunicazione nei punti di vendita debba essere solo di prezzo, con volantini, vendita diretta con sconti quantità (prima di tutto il 3 per 2)? Alcune insegne praticano il “every day low price”, cambiando il paradigma senza perdere vendite e margini, ma all’interno di questa strategia ci possono stare molto bene campagne che valorizzino offerte virtuose di marche e insegne. Si tratta di avere prodotti con caratteristiche virtuose: ingredienti, formule, filiere, packaging, trasparenza, proposte commerciali di utilità comune… Evidenze dimostrano che usare piani promozionali di questo tipo aiutano non solo l’immagine di aziende e luoghi dove vengono promossi, ma anche valori di vendita e margine. Nella tavola rotonda “Comunicare la Sostenibilità”, gli esperti invitati ne parleranno, condividendo le loro esperienze e costruendo insieme proposte di linee guida disponibili per tutti. Nota: Per partecipare alle tavole rotonde, vi preghiamo segnalare la vostra adesione con registrazione alla mattina della conferenza o previa comunicazione con un’email all’organizzazione: marketing@plef.org. In collaborazione con...